LEGAMENTO D’AMORE DI SANT’ELENA

Legamento di SantElena

Il legamento di Sant’Elena è un rituale molto antico e, al contempo, molto potente. Si utilizza per far tornare a sé la persona amata o per avvicinare una persona di cui si è innamorati, anche se quest’ultima non corrisponde il sentimento. Per effettuare il legamento di Sant’Elena occorre seguire determinati rituali. Vediamo quali.

Il significato del legamento di Sant’Elena

Il legamento di Sant’Elena era già praticato nei primi anni del Cristianesimo. Discende proprio dal culto di Sant’Elena che rappresenta la protettrice di tutti i cristiani, questo perché fu lei a ritrovare la croce sulla quale venne crocefisso Gesù.

Il significato del legamento di SantElena, in magia rossa, risiede nel fatto che è in grado di riportare l’amore tra due persone, anche nei casi più difficili. In altre parole, il rito di SantElena consente a due persone di legarsi in modo indissolubile ed eterno: un legame che, in futuro, sarà difficile da sciogliere. Il legamento si può, peraltro, attuare in più circostanze: per fare innamorare di sé la persona amata; per riavvicinarsi affettivamente a una persona che si è allontanata da noi; per rendere intoccabile un legame d’amore; per riconquistare una persona che si è innamorata di un altro individuo.

Avviare il legamento di Sant’Elena, pertanto, comporta un radicale cambio di vita sentimentale sia per chi mette in atto il rito, sia per chi lo subisce. Per questo motivo, si è soliti effettuare il rito soltanto quando si è certi di indirizzarlo alla persona con la quale si vuole davvero passare assieme il resto della vita.

Cosa procurarsi per svolgere il rito

Esistono due tipologie di legamenti di Sant’Elena, uno caratteristico della magia rossa e uno della magia nera. Se il rito della magia rossa tende a creare semplicemente le condizioni affinché il legame tra le due persone possa avvenire, il rito della magia nera è di tipo impositivo. Di seguito ci riferiamo al rito di Sant’Elena utilizzato in magia rossa, ovvero quel tipo di rito che favorisce, con estremo successo, l’avvicinamento di due persone sotto il profilo affettivo.

Il rito può essere svolto in autonomia o con la supervisione di un operatore esoterico. Per svolgere il legamento di SantElena in autonomia, però, occorre procurarsi innanzitutto il seguente materiale:

  • ✓  3 chiodini d’oro della lunghezza di almeno 4 centimetri: è importante che i chiodini siano d’oro e di nessun altro materiale; in alternativa, vanno vene anche 3 spilli dorati;
  • ✓  ago e filo dorato;
  • ✓  un’immagine di Sant’Elena;
  • ✓  due pezzi di stoffa verde;

✓ una foto di chi effettua il rito e una della persona che si vuole far innamorare.

La preparazione del rito consiste nel posizionare l’immagine della Santa sopra un pezzo di stoffa verde. Successivamente, si conficcano i tre chiodini dorati sulla fotografia della persona che si vuole legare: uno sulla testa, uno sul cuore e uno sul sesso. Fatto questo, e dopo aver posato la foto della persona di cui siamo innamorati sopra l’immagine di SantElena, il legamento damore procede con la pronuncia di alcune orazioni.

Prosecuzione e benefici del legamento di Sant’Elena

L’orazione d’amore che bisogna recitare è la seguente.

“Oh gloriosa Sant’Elena, regina di Gerusalemme, io ti invoco e scongiuro. Fa’ che (nome della persona che si vuole legare) pensi solo a me e desideri soltanto me. Oh miracolosa Sant’Elena Augusta, che ripudiata dall’uomo poi tornasti vittoriosa. Concedimi la grazia di ottenere ciò che il mio cuore tanto brama. Fa’ che (nome della persona amata) ami solo me e voglia passare il resto della sua vita soltanto con me. Io ti supplico, gloriosa Sant’Elena, io ti scongiuro miracolosa Augusta, concedimi il potere di splendere nel cuore di (nome della persona amata). Che pensi e desideri e ami solo me. Che pensi e desideri e ami solo me. Che pensi e desideri e ami solo me.

Recitata questa orazione, si pone il secondo pezzo di stoffa verde sopra le fotografie e con ago e filo dorato si cuciono assieme i due pezzi. In questo modo la foto dell’amato e quella di Sant’Elena si uniranno in modo indissolubile, segno che il legamento damore è stato avviato. Fatto questo, si conserva il tutto in mezzo alla biancheria intima per un tempo indeterminato, affinché il rituale faccia il suo effetto.

Come tutti i legamenti d’amore, il legamento di Sant’Elena legherà a voi, in modo indeterminato, un’altra persona. Poiché si tratta di un rito molto potente, sarà difficile liberarsene in futuro in caso di ripensamenti, pertanto occorre agire con cognizione prima di proseguire in tal senso. Per capire se l’altra persona è quella giusta da legare, occorre, delle volte, fare delle analisi astrologiche approfondite. In questo modo, saremo sicuri che stiamo rivolgendo il rito verso la persona che davvero amiamo.

L’orazione d’amore a Sant’Elena

Per intensificare il risultato del legamento di SantElena, esiste un’altra orazione d’amore che possiamo dire. L’orazione va recitata la sera tardi davanti a un’immagine di Sant’Elena, con una candela bianca accesa e una foto della persona tra le mani, togliendo dal cuore ogni rancore e odio verso chiunque.

“Gloriosa Sant’Elena, gloriosa Sant’Elena, gloriosa Sant’Elena, tu che sei la regina di Gerusalemme; a Gerusalemme sei stata, 3 chiodi portasti, uno l’offristi e lo consacrasti alla marea e alle onde del mare e lo donasti al piccolo Cipriano, per vincere ogni battaglia e guerra. Io sono qui che ti chiedo dalla tua mano benedetta un piccolo dardo

per i sentimenti di (nome della persona) affinché non mi dimentichi, che si conficchi nella fronte di (nome della persona) affinché non mi dimentichi, che si conficchi nel suo cuore. San Caralampio, ottienimelo, Sant’Elena, il chiodo che ti prego e ti chiedo è perché mi tenga sempre presente e che lo abbia nel pensiero. Sant’Elena non fargli accostare nessuna donna, né parlare con la moglie d’altri, con la fedeltà di un cane fedele. San Varon ti prego che non mi dimentichi per una altra donna; Gesù Nazareno, donamelo. Santa Barbara che (nome della persona) non mi dimentichi; Sant’Antonio, che (nome della persona) mantenga ciò che ha promesso; San Giovanni Battista, Santo Antes concedetemi quello che vi chiedo, che (nome della persona) mantenga quello che ha promesso per la sacra veste che indossate; San Michele, difendilo; San Cipriano, aiutami e concedimi ciò che ti chiedo; Sant’Elena, sciogli il suo cuore con la verga che hai con te, miracolosa Sant’Elena, ottienimelo. Amen”.

L’orazione intensificherà l’efficacia del rito e i primi risultati si vedranno nel giro di qualche giorno: la persona ci noterà di più, ci cercherà, finché non si innamorerà di noi.

Il legamento di Sant’Elena è uno dei più antichi riti d’amore: lega in modo indissolubile a noi la persona di cui siamo innamorati. Può essere fatto in autonomia o con un operatore esoterico.

Per un approfondimento generale sui legamenti d’amore, ti consigliamo leggere LEGAMENTI D’AMORE COME FUNZIONANO